1–12 di 27 risultati

Show sidebar

Archivio

Close

Residenza di Evandro Gabrieli

04 Agosto - 02 Settembre 2018

Evandro Gabrieli vive e lavora a Roma. Si forma presso la scuola di Arti Ornamentali di Roma con specializzazione in “scultura ceramica”. Nelle sue opere è forte il richiamo al mondo naturale, una sensibilità emotiva che si integra con il suo personale processo tecnico.

Oltre al lavoro artistico Evandro Gabrieli è il fondatore dell'Associazione culturale KERAMOS e il creatore del Contemporary Italian Ceramics blog.

www.evandroceramiche.com www.contemporaryitalianceramic.com

Il progetto per la residenza artistica 2018 intitolato “Lost highway” nasce del desiderio di confrontarsi ed esplorare alcune tematiche: resilienza - conflitto, adattamento - evoluzione, interazione - possibilità, attraverso una ricerca severamente formale ma fortemente concettuale, in cui la disciplina della forma contribuisce all’emersione del significato.

La mostra personale di Evandro Gabrieli si realizzerà negli spazi di “QUAZAR Coworking & Spazio eventi”, Via G.M. Emiliani, Faenza. L’artista avrà a disposizione le sale del coworking e il cortile interno del palazzo. La mostra sarà allestita e curata dalla FACC in collaborazione con QUAZAR.

Close

Residenza di Matteo Naggi

22 Luglio - 02 Settembre 2018

Matteo Naggi si è diplomato in scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e specializzato nella ceramica all’Istituto Cova di Milano, all'Istituto G. Ballardini di Faenza e a Sargadelos in Spagna. Come scultore ha avuto esperienze in fonderia alla Sancisi di Faenza, ha collaborato con gli scultori Sandro Lorenzini di Savona, Giovanni Ruggiero di Faenza e Alberto De Braud a Milano.

Il suo progetto di residenza, dal titolo: "Devotion Buildings", è ispirato all’architettura asiatica moderna e alla personale riflessione sul fare scultura nel contemporaneo. Dichiarazione dell’artista: “Non ritengo queste opere solo delle sculture bensì anche delle costruzioni”.

www.matteonaggi.it

La mostra di Naggi sarà presente negli spazi del CEFAL, Faenza, in via Severoli 12, dove avrà a disposizione una vetrina, il cortile e un salone al primo piano. La mostra sarà allestita e curata dalla FACC in collaborazione col CEFAL.

Close

Residenza di Lise Lepage

Marzo - Aprile 2017

Artista di Montréal (Canada)

La canadese Lise Lepage è stata la prima artista a fare una residenza presso l’associazione Passepartout Faenza (ora Faenza Art Ceramic Center). Lise è stata a Faenza per più di un mese, da marzo a ad aprile 2017, periodo durante il quale ha lavorato, in compagnia dell’artista e docente Martha Pachon, ha visitato la città e passato momenti di semplice convivialità insieme con gli operatori dell’associazione e i dipendendi della ditta Ceramic & Colours.

Close

Workshop di Serigrafia

12, 13 e 14 Maggio 2017

Questo corso ha lo scopo di fornire le conoscenze necessarie per creare le proprie decalcomanie vetrificabili e stamparle su diversi supporti ceramici o vetrosi. Inoltre attraverso la stampa grafica su ceramica, il corsista sarà introdotto a un campo poco esplorato, il vincolo dell’immagine ceramica con la lettura virtuale incorporando i codici QR. Questi codici offrono l’opportunità di reindirizzare la ceramica sul concetto di un progetto web (un blog, una pagina, una libreria virtuale, un videogioco, ecc.)Il corsista sarà introdotto nella pratica della elaborazione di una matrice, l’incisione in seta, la pulizia e il recupero dei telai, l’applicazione delle decalcomanie, l’uso di diversi supporti, la preparazione degli smalti e delle cotture. Sarà inoltre in grado di installare il proprio laboratorio di serigrafia con i più bassi costi possibili di attrezzature e risparmio dello spazio.

BIOGRAFIA SILVIA BARRIOS

Artista e ricercatrice nata in Argentina. Si è specializzata nel campo dei nuovi media e delle tecnologie interattive applicate sulle arti del fuoco.Il suo tema di interesse attuale la “Ceramica Intelligente” deriva degli incontri fra la Serigrafia Ceramica e i processi creativi dei multimedia incentrati sulla bio-arte, l’elettronica, l’intelligenza artificiale e le arti digitali unitamente alle culture popolari sudamericane.Silvia Barrios è stata invitata con i suoi laboratori e istallazioni alla Biennale della Havana, la Biennale di SaoPaulo, e la Biennale di Mercosur, Buenos Aires. Ha realizzato diversi progetti internazionali, e ha esposto indiversi nazioni, fra loro, Cina, Italia, Spagna, Portogallo, Cuba, Argentina, Colombia, Ecuador e Perù.

Programma: Lezioni pratiche e teoriche finalizzate allo sviluppo della impressione di una immagine fotografica su un sopporto ceramico terroso o vitreo, crudo, biscottato o smaltato e anche sul vetro. Elaborazione della matrice, trattamento della seta per l’incisione. Pulizia e recupero dei telai. Applicazione delle decalcomanie. Uso dei diversi supporti: terracotta, terraglia, gres, porcellana, vetro. Preparazione degli smalti per serigrafia. Cotture a diversi ambienti. Come istallare il proprio laboratorio di serigrafia. Introduzione del codice QR alla serigrafia. Conferenza audiovisiva – Riassunto del processo per consolidare le conoscenze – Test e valutazione dei risultati Riflessioni sulla introduzione dei codici multi mediatici e la progettazione sul campo della ceramica contemporanea – Panorama dei progetti innovatori della ceramica nel campo della elettronica, intelligenza artificiale, bioscienza e robotica. Conclusioni con una mostra di un progetto artistico di gruppo dei corsisti.

Le forme saranno realizzate seguendo le indicazioni del docente, saranno cotte e consegnate entro i tempi del corso stesso. Il corso di 20 ore dura dalle ore 9.00 alle ore 17:00 del venerdì, dalle 9.00 alle ore 17:00 del sabato e dalle ore 9:00 alle ore 16.00 della domenica. Docente: Silvia Barrios
Close

I Edizione Ceramic&Colours Award

Faenza 2016

“Il Crawling, la Pelle divertente”

L’associazione Passepartout Faenza ha concluso la prima edizione del “Ceramic&Colours Award”, concorso finalizzato alla promozione e valorizzazione della ricerca dei rivestimenti vetrosi nella finitura di manufatti ceramici.

Il tema per l’edizione 2016 è stato la finitura “Crawling”. Premi 2016 1° CLASSIFICATO “Ceramic&Colours Award 2016″ IVAN SKUBIN – 54 punti 2° CLASSIFICATO “Premio Franco Santi” KARIN PUTSCH-GRASSI – 52 punti 3° CLASSIFICATO “Menzione Speciale” MARIO ENKE - 51 punti 4° CLASSIFICATO “Menzione Speciale” GILBERT GUILLOT - 44 punti 5° CLASSIFICATO “Menzione Speciale” MARY FOX - 42 punti 5° CLASSIFICATO “Menzione Speciale” ROBERTO AIUDI - 42 punti 5° CLASSIFICATO “Menzione Speciale” MOHAMED ALI MAHMOUD MOHAMED – 42 punti Visualizza il Catalogo della Mostra

Close

La sigillata, gli smalti, la legna, il fuoco e il carbone

18 e 19 novembre 2017

Per chi ama i modi naturali e vede nella ceramica le varietà espressive che questi possono dare. Porterete tre forme essiccate (non cotte) di misura massima singola cm 20 (altezza) x 10 x 10 a spessore max mm7 realizzate in argille bianche da Raku. Le superfici delle forme potranno essere levigate a pressione ma non ingobbiate. Faremo esperienza di applicazione di argille su argille, di smalti in monocottura e di fiammature con cottura a legna che con la sua casualità ci mostrerà giochi infiniti di trasparenze, neri e lustri.

Programma: applicazione sulle vostre forme secche di ingobbi del genere Terra Sigillata, sali metallici, vernici e smalti – cottura notturna a biscotto – allestimento del fuoco e inserimento delle forme – cottura a legna – estrazione delle forme a mezza e fine cottura – lezioni di tecnologia a domanda.

Le forme saranno realizzate seguendo le indicazioni del docente, saranno cotte e consegnate entro i tempi del corso stesso. Il corso di 14 ore inizia alle ore 9.00 del sabato e termina alle ore 16.00 della domenica. Docente: Maestro Giovanni Cimatti
Close

Il gioiello in porcellana, dal neriage al montaggio

11-12 novembre 2017

Corso di costruzione di gioielli con le tecniche antiche asiatiche multicolore fino alla sua presentazione finale. Sviluppo ed approfondimento delle tecniche della famiglia del “Neriage” e applicazione in un progetto definitivo per un gioiello. Metodi per preparare gli impasti colorati, processi delle tecniche con metodi di conformazione a stampo, essiccamento, cotture, correzioni di crepe, rotture e deformazione. Montaggio delle diverse alternative e materiali di uso facile e immediato. Agli allievi verranno fornite le parti metalliche e in argento per montare un gioiello completo.

PROGRAMMA: Lezioni totalmente pratiche con un capitolo teorico per tecnologia – riparazione della porcellana ad impasto e barbotine colorate, ricetta e percentuali – creazione dei motivi organici, geometrici o astratti direttamente nello impasto traverso: -Metodi di composizione a blocco, rotolo e forme colorate dell’Arcobaleno – Metodi di costruzione de tasselli composti,uso delle barbotine colorate – Come applicare su stampi evitando crepe e deformazioni – Rifinizione e correzioni dopo cottura biscotto – Metodi di “estivazione” dei pezzi per cottura di alta. Particolarità per evitare deformazioni e rotture -Rifinizione e correzioni dopo ultima cottura.

Cottura (il sabato sera): biscotto, solo dei pezzi realizzati il medesimo giorno ed essiccati, sabato cottura de alta 1250°C, quelli della domenica non saranno cotti, ma è sufficiente per capire la tecnica. Nota: i materiali utilizzati per infornare i pezzi sono soltanto per dimostrazione e cottura Il corso di 14 ore inizia alle ore 9.00 del sabato e termina alle ore 16.00 della domenica. Docente: Martha Pachon
Close

Labirinto argille

27 e 28 gennaio 2018

la scelta, le superfici e la cottura delle terre

Fare ceramica è una delle arti più affascinanti, ma occorre avere ben chiare alcune regole e metodologie perchè l’autodidattica è un approccio possibile, ma si può perdere tempo e danaro.

La scelta del tipo di argilla da impiegare nella produzione delle forme è di basilareimportanza e da questa dipendono tutte le altre come la foggiatura, gli smalti e la temperatura ottimale di cottura. Si può scegliere a monte quale metodologia impiegare, ma questo non toglie che la conoscenza delle argille e quindi il loro carattere è assolutamente fondamentale.

Durante il corso avrete l’opportunità di toccare una vasta gamma di argille da cui poter far discendere le vostre scelte future. Il corso si limita quindi alla produzione in libertà di esperienze costruttive, tattili e di cottura sempre sotto la guida del docente.

PROGRAMMA: esercizi personali con vari tipi di argilla con e senza inerti sia per bassa che alta temperatura a colombino, lastra e a stampo – finiture possibili durante le varie fasi di asciugatura – ritiri e plasticità – la deformazione delle forme e il suo controllo – Cottura di alcune esperienze a bassa ad alta temperatura. Lezioni di tecnologia ceramica -dimostrazione di foggiatura a colaggio.

Le forme saranno realizzate seguendo le indicazioni del docente, saranno cotte e consegnate entro i tempi del corso stesso. Il corso di 14 ore inizia alle ore 9.00 del sabato e termina alle ore 16.00 della domenica. Docente: Maestro Giovanni Cimatti
Close

Un mare di vetro liquido

3 e 4 febbraio 2018

A Faenza, sul finire degli anni 60′, Guerrino Tramonti pratica una tecnica ceramica pittorica denominata “A grosso spessore”. Si tratta di una ceramica che prevede la formazione di uno spessore alto di vetro liquido (cristallina) che allaga entro una superficie piana definita da una bordatura.

Durante il corso saranno fatte esperienze con l’inserimento di smalti, ingobbi, fritte colorate, vetri da vetraria e fili metallici. Saranno impiagate anche le “terre sigillate” che saranno applicate sulle cornici a formare rugginose e brillanti cortecce. Le forme in argilla già biscottata saranno fornite dall’organizzazione.

Programma: Applicazione su biscotto di ingobbi naturali del genere terra sigillata – applicazione al centro delle forme di smalti, vetri in frammenti ecc e copertura di vernice trasparente o colorata in rame con varie tecniche di miscelazione – cottura notturna – descrizione dei prodotti usati – esempio di preparazione di una terra sigillata – nelle foto alcuni esempi di opere realizzate da G. Cimatti

Le forme saranno realizzate seguendo le indicazioni del docente, saranno cotte  e consegnate entro i tempi del corso stesso. Il corso di 14 ore inizia alle ore 9.00 del sabato e termina alle ore 16.00 della domenica. Docente: Maestro Giovanni Cimatti
Close

Labirinto smalti

17 e 18 febbraio 2018

i rivestimenti, l’applicazione facile, la decorazione e la cottura della ceramica

Il corso si prefigge di informare sui modi e le tecniche che sono alla base del processo ceramico per quanto riguarda la smaltatura e la decorazione a bassa temperatura.

Durante il corso saranno finite esperienze sui vari metodi di smaltatura ponendo particolare attenzione alla smaltatura a pennello con l’ausilio di particolari veicoli che ne consentono la migliore applicazione. Verranno presentate le cause alla base dei principali effetti ottenibili con i rivestimenti che saranno realizzate su supporti in argilla, già cotti, forniti dall’organizzazione: terracotta, terraglia tenera, terracotta di argilla da gres e semirefrattaria da Raku.

Sarà dato spazio anche al rapporto fondamentale degli smalti con i supporti e la loro preventiva miglior cottura a biscotto. Ed infine saranno affrontati anche i difetti che si riscontrano nella smaltatura e a questo proposito è possibile portare eventuali lavori personali finiti sulle cui problematiche sarà possibile svolgere una interessante lezione.

PROGRAMMA: esercizi personali di smaltatura: a pennello, ad aspersione, ad immersione – esercizi di decorazione con i colori sottovernice e i colori soprasmalto – smalti a rilievo – dimostrazione di smaltatura a spruzzo e a secco – Cottura delle prove – a domanda lezioni sulla chimica e tecnologia degli smalti.

Le forme saranno realizzate seguendo le indicazioni del docente, saranno cotte e consegnate entro i tempi del corso stesso. Il corso di 14 ore inizia alle ore 9.00 del sabato e termina alle ore 16.00 della domenica. Docente: Maestro Giovanni Cimatti Scarica il modulo di iscrizione in formato pdf Scarica il volantino in formato pdf
Close

Millebolle

10 e 11 marzo 2018

Una delle premesse in campo ceramico, fondamento della didattica e della tecnologia stabilisce che non vi devono essere bolle di aria negli impasti ceramici ma...

E' anche vero che la presenza di bolle e la stessa porosità delle argille favorisce l'isolamento termico, l'essiccazione e la leggerezza. Con impasti a struttura spugnosa si ottengono forme facilmente lavorabili a secco/crudo per mezzo del taglio, incisione o abrasione, una lavorabilità a biscotto simile a quella dell'osso di seppia, durezza inaspettata dopo la cottura finale e il peso vicino a quello dei poliuretani espansi.

Da questa scelta parte la possibilità di creare forme legate in particolare al campo della scultura dove i problemi dello svuotamento delle forme viene superato velocizzando le cotture. Infine e in relazione alla dimensione delle microbolle inserite sarà possibile anche l'applicazione di patine, ingobbi  e rivestimenti anche vetrosi.

Programma: metodi di realizzazione di schiume e la loro introduzione nelle argille - colatura della schiuma argillosa - essiccamento - scultura a secco crudo per taglio/incisione - cottura ad alta temperatura in forno elettrico - sfornata - applicazione di rivestimento tipo smalto oro - cottura a media temperatura - lezioni di tecnologia ceramica.  Per motivi di tempo e aumentare l'esperienza sulla tecnica saranno forniti ai partecipanti anche alcuni blocchetti di argilla porosa già essiccati.

Il corso di 14 ore dura dalle ore 9.00 alle ore 17:00 del sabato e dalle ore 9:00 alle ore 16.00 della domenica. Docente: Maestro Giovanni Cimatti Scarica il modulo di iscrizione in formato pdf Scarica il volantino in formato pdf
Close

Un mare di vetro liquido

15 Marzo 2018

A Faenza, sul finire degli anni 60', Guerrino Tramonti pratica una tecnica ceramica pittorica denominata "A grosso spessore". Si tratta di una ceramica che prevede la formazione di uno spessore alto di vetro molto fusibile e trasparente che allaga entro una superficie piana definita da una bordatura. Durante il corso saranno fatte esperienze con l'inserimento di materiali vari per ottenere effetti integrati nel vetro. Il corso breve della durata di un solo giorno ( 8 ore), con cottura compresa, è possibile in quanto le forme per i test sono fornite già biscottate, si utilizzerà un fono a gas e perchè si tratta di una tecnica molto semplice e veloce. L'unico materiale che distingue questa tecnica è la cristallina a grosso spessore mentre tutti i materiali collegati appartengono alla gamma classica del fare ceramica. Ogni partecipante realizzerà 4 forme che finirà imitando una vasta gamma di modelli proposti durante il corso.

Programma

Ore 9.00 di Giovedì: Applicazione sui bordi del biscotto di patine cromatiche - applicazione al centro delle forme di smalti, vetri in frammenti ecc e copertura di vernice trasparente o colorata in rame con varie tecniche di miscelazione - ore 12.00: cottura - descrizione dei prodotti usati - Ore 17.00: sfornata e discussione sui risultati - Ore 18: termine dei lavori

Il corso della durata di 8 ore inizia alle ore 9:00 e finisce alle ore 18:00 del mercoledì.

Docente: Maestro Giovanni Cimatti